Oman

  • Muscat - Oman
    Muscat - Oman
  • Khasab - Oman
    Khasab - Oman
  • Khawr Najd - Oman
    Khawr Najd - Oman
  • Whaiba Sands - Oman
    Whaiba Sands - Oman
  • Fort Khasab - Oman
    Fort Khasab - Oman
  • Wadi Bani - Oman
    Wadi Bani - Oman

Una vacanza in Oman vi dà il benvenuto nella terra delle “Mille e una Notte”, nell’antica patria dell’incenso e della mirra, in luoghi sospesi in una magica atmosfera intrisa di leggenda, tra souk e moschee, dune e castelli costruiti a picco sul mare, lunghe spiagge bianche, che si affacciano sulla costa incontaminata.

Un viaggio in Oman regala sensazioni uniche, che discendono da una storia millenaria e da quella resina, un tempo più preziosa dell’oro, che la regina di Saba definì “lacrime degli dei” e che fece la fortuna di questa terra: l’incenso. Dall’Oman, con un percorso di oltre 2.000 km lungo tutta la penisola arabica, partiva la “via dell’incenso”, che diffuse il mitico profumo permeando un’intera civiltà e segnando il tempo dell’Arabia Felix.

 QUANDO ANDARCI
GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC
*** *** *** *** ** * * * ** *** *** ***

  • Per vistare un paese magico e suggestivo, il vero paese delle Mille e una Notte.
  • Per farsi inebriare dai mercatini e dalle strade inondate di incenso, prodotto tipico del paese.
  • Per vedere i grandiosi castelli costruiti a picco su un mare blu cobalto, che si stagliano contro un cielo azzurrissimo.
  • Per vistare il suggestivo deserto dell’Oman.
  • Per visitare i numerosi siti storici ed archeologici, per i quali vale la pena un viaggio in Oman, occorre sopportare notevoli distanze.
  • Evitate assolutamente l’estate come periodo di visita, perché è troppo caldo.
  • Evitate di usare con troppa disinvoltura la macchina fotografica soprattutto nei villaggi dell’interno.
  • Non indossate abiti succinti soprattutto nei luoghi pubblici per evitare di offendere il pubblico pudore.

Luoghi da non perdere

Dibaa, Muscat, khasab, Salalah, Sour, Nizwa, Barka, Al Wasil.

Curiosita’

  • Nell’Oman, si è puliti. I mercati moderni dispongono di piastrelle ed aria condizionata e sostituiscono poco a poco i vecchi suk maleodoranti. È proibito gettare carta o mozziconi a terra e andare in giro nella capitale con una vettura sporca. I conducenti si fermano, prima di entrare nella capitale, per pulire i propri veicoli.
  • La cucina omanita mescola i sapori dell’Oceano Indiano. Riso e chapati accompagnano generalmente un piatto di carne o di pesce, cucinato con spezie. A Mascate, si trovano buoni ristoranti indiani, cinesi, europei o africani. I ristoranti detti “internazionali” sono interessanti per i frutti di mare. Il consumo di alcolici, vietato in pubblico, è autorizzato nei bar e nei ristoranti che dispongono di licenza.
  • Nei suk, i mercanti propongono prodotti vari: alimentari, spezie e medicine tradizionali, tessuti, vestiti e merceria, articoli per la casa, bauli in legno, giocattoli di plastica e pugnali in argento. Si trova anche un po’ d’artigianato locale: a Muscat, gioielli in argento cesellato e in oro. A Nizwa, vasellame e cesti. A Salalah, incenso e profumi.